Associazione Europea Operatori Polizia

Vai ai contenuti

Menu principale:


17.10.2016 - Nardò
Blitz nel Parco Naturale Protetto di Porto Selvaggio da parte del Nucleo Guardie Giurate Zoofile Ittiche dell’AEOP.
Le Guardie hanno individuato numerose persone che stavano raccogliendo dei funghi all’interno dell’Area Protetta nonostante sia vietatissimo. Le stesse hanno sanzionato sei persone, altre sono fuggite lasciando i funghi a terra al fine di evitare la sanzione. I funghi sono stati tutti sequestrati ai fini della confisca, successivamente saranno portati c/o il Servizio micologico della ASL di Lecce per la successiva distruzione. Nella stessa giornata è stato sanzionato anche una persona di Veglie che si era introdotto con l’autovettura all’interno del Bosco del Parco Naturale Protetto Palude del Conte e duna costiera di Porto Cesario, il Proprietario del mezzo è stato sanzionato in violazione della Legge Regionale. In totale sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di Euro 309.84, e sono stati confiscati KG 10 circa di funghi.



24.09.2016 - Galatone
Il nucleo di Polizia Giudiziaria delle Guardie Zoofile AEOP di Nardò, Coordinate dal Antonio Russo, a seguito di accertamento c/o l’abitazione di un settantacinquenne di Galatone, si è accertata la presenza di 12 cani detenuti sotto gli alberi del terreno adiacente all’abitazione, gli stessi erano legati a catena senza riparo oltre una piccola cuccia in vetroresina, altri erano rinchiusi in dei recinti composti da rete metallica arrugginita e rotta in più punti, quindi piena di parti sporgenti, i ripari erano composti da tufi e lastre di amianto. Il soggetto usava buttare il cibo a terra mischiandosi con le numerose feci, l’acqua in alcuni casi era assente e dove presente di colore verde. Sul posto era presente una veterinaria nominata Ausiliare di Polizia Giudiziaria che ha visitato tutti i cani riscontrando in tutti i soggetti patologie gravi non curate, alcuni soggetti mostravano lesioni crostose e/o purulente che richiamavano la presenza di mosche.
Tutti i cani sono stati posti sotto sequestro penale, e il proprietario denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per maltrattamento di animali. Vista l’impossibilità nell’immediato di trovare un altro luogo di detenzione diverso, i cani sono rimasti sul posto, ma le Guardie si stanno attivando per cercare una struttura che possa prendere in affido i cani in modo che abbiano tutte le attenzioni del caso.


14.08.2016 - Porto Cesareo
SEQUESTRO DI PRODOTTI ITTICI AD OPERA DELLA CAPITANERIA DI PORTO E DELLE GUARDIE ZOOFILE ITTICHE A.E.O.P. DI NARDO’

Non sembra cessare la cattiva abitudine di immergere prodotti ittici congelati in mare da parte di ignoti per poi essere venduti da attività commerciali locali come prodotti freschi. In tutto sono 55 kg circa di prodotti ittici del tipo calamari e gamberi che erano stati immersi nelle acque circostanti la banchina di ponente in Porto Cesareo, a pochi metri da imbarcazioni e un distributore di carburanti. Tali prodotti risultano essere molto pericolosi per il consumo umano, in quanto nelle acque marittime potrebbero essere presenti batteri pericolosi. A rinvenire tali prodotti nella giornata di sabato sono state la Guardie Zoofile Ittiche dell’A.E.O.P. di Nardò, sempre attente a vigilare sul territorio affinché non vengano violate le leggi inerenti le attività di pesca, caccia e tutto ciò che riguarda animali e ambiente. Successivamente sul posto è pervenuta la Capitaneria di Porto di Torre Cesarea, la quale ha provveduto al sequestro dei prodotti ittici. Nella stessa giornata le Guardie hanno elevato sanzioni amministrative per un totale di circa 200 euro per violazioni al Regolamento Comunale per l’omessa detenzione dell’attrezzatura idonea per la raccolta delle deiezioni dei cani condotti su suolo pubblico dai proprietari. In particolare i controlli hanno avuto luogo nelle marine, tra Porto Cesareo e Nardò. Gli accertamenti hanno portato anche all’individuazione di numerosi cani sprovvisti di dispositivo di identificazione (microchip), pertanto non dichiarati all’anagrafe canina regionale e per questo i proprietari sono stati sanzionati.


05.08.2016 - Porto Selvaggio (Nardò)
DETURPANO GLI SCOGLI PER I FANGHI FACCIALI – DENUNCIATI QUATTRO NAPOLETANI DALLE GUARDIE A.E.O.P.

Un’abitudine, neppure troppo recente, è quella di danneggiare la scogliera, per poi creare una poltiglia che viene spalmata sul corpo.
Quando le Guardie Zoofile sono arrivate sul posto hanno notato decine di persone con il viso coperto dal fango calcareo ricavato dallo sgretolamento degli scogli, alcuni con dei sassi rompevano la roccia per farne dei piccoli pezzi. Le Guardie che erano appostate a poca distanza hanno potuto effettuare dei rilievi fotografici proprio in quei momenti, successivamente hanno proceduto all’identificazione solo di quattro persone in quanto le altre sono riuscite a fuggire in  mare per poi confondersi tra i tanti presenti. In qualità di Pubblici Ufficiali le guardie hanno proceduto alla denuncia delle persone identificate ai sensi dell’art. 331 cpp presso l’Autorità Giudiziaria e presso il Comando di Polizia Locale di Nardò. Sulla scogliera oggetto del danneggiamento ormai si può notare un buco enorme creato dal continuo sfregamento a cui viene sottoposta ogni giorno dai bagnanti. Il fenomeno quest’anno è stato limitato dalla maggiore presenza delle sentinelle dell’ambiente che però non possono essere sempre presenti in quanto specialmente in questo periodo presso la Polizia Municipale arrivano decine e decine di esposti o richieste di pronto intervento che richiedono l’intervento delle Guardie Zoofile che si occupano di tutto ciò che riguarda gli animali per conto del Comune di Nardò e di Galatone. Anche la Polizia Municipale quest’anno ha intensificato i controlli sul parcheggio selvaggio al Parco, infatti oggi giorno è presente almeno un vigile in postazione fissa.

02.05.2016 - Nardò (LE)
ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO SU UN CANE DI PICCOLA TAGLIA - INDAGANO LE GUARDIE ZOOFILE DI NARDO'

Tutto  sarebbe partito da una denuncia fatta da un cittadino che avrebbe  assistito ad una scena di violenza su un cane di piccola taglia. Per  questo motivo un uomo residente in un paese del basso Salento è stato  denunciato a piede libero, successivamente la Procura di Lecce ha  disposto il sequestro del cane e un avviso di garanzia a carico dell'indagato. Le indagini sono state affidate al Nucleo di Polizia Giudiziaria delle Guardie Zoofile AEOP di Nardò comandate da Antonio Russo. Le stesse hanno proceduto al sequestro del cane e il successivo affidamento dello stesso ad una struttura privata. Inoltre  il Magistrato ha disposto una perizia Veterinaria sul cane al fine di  accertare eventuali lesioni riconducibili ad abusi sessuali e  maltrattamenti.


09.04.2016 - Supersano (LE)
In data odierna personale operativo di codesto nucleo a seguito di segnalazione da parte di un cittadino hanno eseguito un’ispezione  C/o un terreno di proprietà di un ottantenne del posto, dove erano detenuti alcuni cani presumibilmente maltrattati. Le Guardie Zoofile, coodinate dall’Uff/Ag. di P.G. Antonio R. hanno accertato la presenza di sette cani detenuti in ripari di fortuna fatiscenti e sporchi composti da muratura in tufo, copertura in amianto e reti metalliche arrugginite. Nei box erano presenti deiezioni di più giorni e cibo avariato, alcuni cani erano sprovvisti di dispositivo di identificazione (microchip) e per questo il titolare è stato sanzionato in violazione della Legge Regionale 12/95. Le strutture sono risultate tutte abusive pertanto si procederà a segnalare il tutto al Sindaco del Comune di Supersano e al Comando di Polizia Locale. I cani sono stati visitati da un Veterinario Ausiliario di P.G. il quale non ha riscontrato patologie evidenti che potessero causare sofferenze agli animali per questo no si è proceduto al sequestro degli stessi. Il luogo di detenzione è comunque risultato non idoneo alla detenzione degli animali e pertanto nei prossimi giorni i cani saranno spostati in strutture più adeguate. Dagli accertamenti è emerso che il proprietario dei cani in passato era già stato denunciato per maltrattamento di animali, procedimento ancora in corso.


03.01.2016 - Nardò (LE)
INSOLITO RITROVAMENTO DI ANIMALE ABBANDONATO

Il Nucleo guardie Zoofile AEOP di Nardò, durante un normale servizio di perlustrazione, nella giornata di Domenica mattina, hanno rinvenuto una gabbia abbandonata sulla strada SP Nardò Copertino, con dentro un criceto. Purtroppo le guardie sono arrivate troppo
tardi! Il piccolo animale era già morto, forse a causa del freddo della notte prima. Ora si cerca di capire chi avesse potuto compiere un simile gesto, le speranze di individuare il responsabile sono scarse, le abitazioni vicine non dispongono di telecamere. La gabbia è
stata abbandonata vicino a delle abitazioni, in modo ben visibile, forse volutamente ma per il povero animale è andata male, nessuno si è fermato per verificare se ci qualche animale dentro, a parte le Guardie che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso
del criceto.
animali, nonché l’istruzione sulla peculiarità delle normative, la pratica sulla specifica modulistica sia degli atti di polizia giudiziaria che di polizia amministrativa, i supporti informatici, i mezzi in dotazione ed in ultimo l’impegno di operare in squadra per il fine comune del benessere animale, riuscendo tuttavia a gestire gravi situazioni di rischio per l’incolumità personale, come meglio evidenziato nelle sotto indicate attività.
Per cui, nel corso dell’anno 2015 sono stati trattati da questi uffici circa 150 segnalazioni che riguardavano presunti maltrattamenti su animali, di cui fortunatamente solo due si sono rivelati veritieri, e quindi si sono sviluppati in fascicoli di indagine di rilevanza penale che hanno portato al sequestro di cinque cani per maltrattamento, detenzione illegale di due tartarughe dalle guance rosse e di un Iguana che era sprovvisto del certificato CITES.
Nel 2015 sono state contestate n. 79 sanzioni amministrative per un importo di €. 5.532,78, nonché n. 105 controlli domiciliari a persone che detenevano animali, tali controlli hanno permesso di individuare 153 cani che erano sprovvisti di microchip, i proprietari sono stati tutti diffidati a mettersi in regola entro 15 gg. Pena una sanzione amministrativa di Euro 77,00.
Presso la Procura della Repubblica di Lecce sono state inoltrate n. 6 Notizie di Reato a carico di ignoti con sequestro di richiami sonori illegali per la caccia. Il Coordinatore del Nucleo Guardie Zoofile AEOP Antonio RUSSO ringrazia vivamente il Comando Stazione dei Carabinieri di Porto Cesareo, il personale, della ASL Servizi di Igiene Urbana e Veterinaria di Nardò e Lecce, i Corpi di Polizia Municipale di Nardò e Galatone, che si sono prodigati in numerose forme di collaborazione e di sostegno al nostro personale.

01.01.2016 -
Nardò (Le)
L'attività del Nucleo Guardie Zoofile A.E.O.P. di Nardò nel 2015
Le Guardie Zoofile AEOP sono attualmente Guardie Giurate Particolari con decreto Prefettizio con funzioni di Pubblici Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria nei limiti delle competenze sulla tutela degli animali che da anni opera sul territorio Leccese, reprimendo reati di maltrattamento di animali e svolgendo azione sanzionatoria sugli illeciti amministrativi relativi alla errata detenzione degli animali d'affezione e da reddito, prevenzione e repressione dei reati e violazioni alle norme che tutelano il benessere di tutte le specie animali, ivi compreso l'attività zootecnica, la fauna selvatica sia autoctona che esotica e la tutela della fauna ittica. La competenza delle Guardie Zoofile è estesa a tutti i settori ove vi sia presenza di animali: commercio, allevamenti e trasporti, combattimenti fra animali, controllo dei circhi, caccia, pesca, ecc., senza tralasciare il controllo della normativa posta a tutela dell'ambiente in cui vivono. Le Guardie Zoofile AEOP hanno sempre collaborato con gli organi statali e grazie a questa attività coordinata fra Magistratura, Forestale, Polizia Municipale, ASL e Guardie Zoofile AEOP, si è riusciti ad identificare e denunciare i responsabili di atti di crudeltà verso gli animali al commercio clandestino, ecc. contribuendo in questo modo a salvare moltissimi animali dal loro infelice destino. L'attività delle Guardie Zoofile AEOP, che, come abbiamo detto, frequentemente coopera con i doveri delle Pubbliche Amministrazioni sanciti dalle Leggi e non riceve alcuna sovvenzione statale.
Relazione relativa all’anno 2015 del Nucleo Provinciale Guardie Zoofile A.E.O.P. di Nardò.
Il report si riferisce alla attività di prevenzione nonché di repressione dei reati penali e delle violazioni amministrative contestate per maltrattamento degli animali di competenza del Nucleo Provinciale di Nardò, che opera anche su Alessano (e paesi limitrofi) e Uggiano la Chiesa. Come noto, le attività di prevenzione sui maltrattamenti animali, di competenza specifica di questo Nucleo territoriale, sono tese al controllo delle varie situazioni che vengono attivate dagli Enti Locali convenzionati: Comune di Nardò, Galatone Alessano Uggiano la Chiesa e da privati cittadini, comportando con ciò una notevole mole di attività investigative e di accertamenti specifici su ogni singolo caso segnalato. E’ importante sottolineare che i risultati sotto indicati, sono dovuti alla peculiare formazione del personale che, anche se opera a titolo volontario e gratuito , dimostra un livello professionale altamente specializzato dovuto ai continui corsi di aggiornamento, ad un addestramento investigativo specialistico finalizzato ai reati contro gli

Torna ai contenuti | Torna al menu